IL LAVORO SI TROVA ONLINE
Vittorio Virgili, owner Job in Furniture sas
  • persone
 
leggi

IL LAVORO SI TROVA ONLINE

Vittorio Virgili, owner Job in Furniture sas

Come si sta evolvendo la gestione delle risorse umane e quali sono le tendenze nella ricerca e selezione del personale?Con la crisi attuale la gestione delle risorse umane è diventata più complessa rispetto ad alcuni anni fa e i responsabili hanno sempre più bisogno di strumenti che li aiutino a velocizzare il processo di ricerca e selezione del personale. Gli imprenditori sono diventati più esigenti e richiedono più figure specializzate nel loro settore di appartenenza e con parametri specifici sempre più stretti.

Pensi che il web sia una risorsa importante per questo settore o rischia di complicare un rapporto basato sul contatto diretto?Nel settore risorse umane il web è sempre stato una risorsa importantissima. Negli ultimi anni sono stati creati addirittura dei motori di ricerca lavoro che raggruppano tutti gli annunci presenti sul web e per venire incontro alla richiesta di figure specifiche da parte degli imprenditori sono nati siti di annunci di lavoro specializzati nei settori più grandi. Un’altra importante evoluzione degli ultimi anni è quella delle piattaforme condivise aziendali, in cui oltre a gestire le buste paga e le anagrafiche dei dipendenti si possono pubblicare annunci direttamente con un click in diversi motori di ricerca e catalogare nella propria piattaforma web le figure che rispondono agli annunci.

Come nasce l’idea di un portale di recruiting dedicato al settore dell’arredamento e degli elettrodomestici?In Italia sono quattro i settori storicamente più importanti: moda, turismo, alimentare ed arredamento. Moda e turismo erano già stati creati e il settore alimentare è attualmente ancora troppo a gestione familiare con la maggior parte delle aziende sotto i cinque dipendenti. Il settore dell’arredamento allargato (comprendendo anche il settore complementare degli elettrodomestici) è invece composto da oltre 700.000 aziende con il marchio Made in Italy molto forte. Abbiamo quindi dato vita a jobinfurniture.com.

Quali sono le esigenze comuni alla maggior parte delle startup innovative e quali sono i primi consigli che ti senti di poter dare ai nuovi imprenditori?L’esigenza più comune delle start-up innovative è secondo me la mancanza di fondi e così, purtroppo, solo una piccolissima parte di aziende nate con i migliori auspici riesce a sopravvivere nell’arco di tre anni. Il consiglio che mi sento di dare ai nuovi imprenditori è di pensare ad idee che hanno come target il mercato globale e non solo l’Italia, perché non sappiamo quando l’economia nel nostro Paese ripartirà.

 
 
PER NAVIGARE IL SITO RUOTA IL TUO DEVICE