CHIUDI

LAMOLE - Where Culture Lives

Comune di Ancona, Ancona, 2016

L’identità di un luogo si compone nell’immaginario di chi lo vive entrando in relazione con il proprio background, in questo modo ogni elemento concorre a creare l’dea del tutto. La comunicazione che si confronta con questo tema ha il dovere di indagare a fondo il luogo, inteso come spazio fisico e di pensiero, che andrà a interpretare e caratterizzare. La capacità de La Mole di assumere molteplici forme e di relazionarsi sia con il contesto urbano che con quello socio culturale della città ci obbliga a farci da parte, consegnando un’identità generativa che vuole restituire ai soggetti e alle soggettività il compito di fare proprio quello spazio. Dove c’è la possibilità di immaginare e fare, esiste il concetto stesso di cultura, come espressione delle singolarità che vivono di un pensiero al plurale. Vorremmo che l’identità de La Mole fosse a disposizione di tutti, che si mettesse al servizio dei linguaggi e dei mestieri come fa un megafono o un utensile, per dare più volume alle parole e più efficacia ai gesti. Vorremmo che, partendo da un presupposto di apertura e condivisione, si creassero le condizioni di una cultura partecipativa che riconosca nell’idea del mettere a disposizione il potenziale per prendere parte ad un grande e ambizioso progetto di comunità.